Hyundai Santa Fe 2.2 A/T

TRAZIONE MARCE ANGOLI OFF ROAD ALTEZZA DA TERRA
(attacco, uscita, dosso)
integrale permanente 6 normali 24,2° – 23° – n.d. 190 mm

IMG_1722

Nuovo look e abbondanza di dotazioni per la terza serie

Design slanciato (ispirato alle ultime realizzazioni della casa orientale, ix35 in primis), linee fluide, frontale aggressivo, fianchi scolpiti e posteriore dal taglio coupé. Sono questi gli elementi chiave della più recente Santa Fe, disponibile a cinque o sette posti. E all’interno? Una caratteristica consolle esagonale, plastiche di buon livello e, sulla versione top di gamma, rivestimenti in pelle, clima bi-zona, schermo con navigatore, audio e retrocamera, sedili anteriori riscaldabili e sedile guida elettrico.
Sotto il cofano troverete il classico quattro cilindri a gasolio da 2.2 litri (che ha debuttato nel 2010 sul precedente modello), sempre con una potenza di 197 cv e una coppia di 421 Nm, ma con un livello più basso di consumi e di emissioni, tanto da essere omologato nella categoria Euro5. Aggiungeteci infine una buona dose di elettronica, dall’Esp al controllo di trazione, dal rallentamento in discesa all’ausilio per le partenze in salita, compreso il sempre più diffuso sistema di mantenimento della carreggiata.

Sull’asfalto

Se circolate molto in città, la Santa Fe vi offre una buona posizione di guida, bella alta sul traffico, e non vi crea grandi problemi nella valutazione degli ingombri. Unico neo, la visibilità posteriore, penalizzata dai montanti corposi e del terzo finestrino sagomato. Ma tanto c’è la telecamera.
Il motore non è esattamente sportivo, ma in autostrada ha un buon respiro, risponde bene e riprende adeguatamente i giri. Il cambio? Reattivo ma non troppo in automatico (ci vuole un piede deciso sull’acceleratore per “scuoterlo” un po’), rapidissimo e preciso in manuale. Tutte caratteristiche che, sul misto, vi concedono una guida piuttosto piacevole, naturalmente con un po’ di coricamento laterale, inevitabile su questa categoria di automobili.

In fuoristrada

Disinserite l’Esp, giocate di sterzo e controsterzo e, sui fondi ghiaiosi e un po’ viscidi, potrete verificare da soli quanto sia equilibrato il comportamente del suo sistema TOD, sia da “libero” che – in presenza di fango – con il bloccaggio centrale inserito. Più in generale, ricordiamolo: la Santa Fe è a tutti gli effetti un Suv, e quindi non è fatta per grandi imprese in off road; ma di certo si trova perfettamente a proprio agio sui fondi a scarsa aderenza. Il merito va anche all’ottimo controllo di trazione e alla buona prestazione dimostrata dalle gomme, in questo caso le Ventus Prime 2 della Hankook.

SCHEDA TECNICA

  • Cilindrata 2.199 cc
  • Potenza 145 kW-197 cv a 3.800 giri
  • Coppia 421 Nm a 1.800/2.500 giri
  • Velocità massima 190 km/h
  • Consumo combinato 6,7 l/100 km
  • Emissioni di CO2 175 g/km

La prova completa su Tuttofuoristrada di Ottobre 2012